Profile Photo

Silvia Serra

Giornalista pubblicista dal 1994, specializzata in Salute, Qualità della vita, Energie e Ambiente.
Dalla televisione alla radio, dagli audiovisivi al web.
ReiKi master e PNL master practitioner, online dal 1998.
Nata a Bologna, abitante della Terra, scrivo per curare il mio maledetto bisogno di realtà, verità, condivisione e amore.

Stampante 3D le foto in anteprima mondiale

Agenda Digitale, App & Startup, Scienze, Scuola
21/09/2015 0 comments
Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

stampante3D1 stampante3D3 stampante3D2 stampante3D6 stampante3D4 stampante3D7 stampante3D8

Come annunciato, ieri ho voluto visitare il campo agricolo, in quel di Massa Lombarda, dove quei “matti” 🙂 della WASP (World’s Advanced Saving Project, ma anche Vespa, l’insetto, quella che masticando terra, paglia e altre schifezze, costruisce nidi resistentissimi) dove hanno montato la più grande stampante 3D esistente al mondo.

E, come anticipato, ho voluto visitarlo non tanto per vedere la stampante record, quanto per capire come sia possibile immaginare di costruire case con essa (nacqui geometra, non so se l’ho messo nella mia breve biografia. Progettai, calcolai, estimai, superai l’esame di stato poi feci altro. Quindi la mia curiosità muoveva da cognizioni di causa).

E ho capito una cosa, tra le altre: la sfida, da oggi, è quella dei materiali! Chi troverà il composto “fluido-denso” in grado di soddisfare meglio le esigenze di fluidità, asciugatura, resistenza, elasticità, trasmittanza ecc. TROVERA’ L’ELDORADO!

Non è la prima volta che osservo, con ammirazione e il dovuto stupore, stampanti 3D e i loro prodotti, ma il chiodo fisso di WASP ovvero: costruire casa low cost, a km zero e sfruttando energia solare, ha qualcosa anche di corroborante. E’ l’emozione profonda che mi pervade sempre quando colgo la manifestazione dell’intelletto umano nella concretezza.

Ci vorranno prove, e prove, e test, e progetti su progetti, e persone disposte a investirci, e verranno, tutti questi, ostacolati da chi ha ancora l’ottusità dello sfruttamento di territorio e cemento. MA il potenziale di questa strada, tracciata da Massa Lombarda, è a mio parere eccellente. Non fosse che per il fatto, anche questo davvero di eccellenza, che i 18 del Team WASP, in UN ANNO, sono passati dalle stampanti 3D di dimensioni piccine a questo colosso.

In procinto di partire per importanti eventi del settore, a Roma e a New York…
Godetevi questo video, e per saperne di più date un’occhiata al loro sito. Meglio di quello che posso raccontarvi ancora io.


Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *