Profile Photo

Silvia Serra

Giornalista pubblicista dal 1994, specializzata in Salute, Qualità della vita, Energie e Ambiente.
Dalla televisione alla radio, dagli audiovisivi al web.
ReiKi master e PNL master practitioner, online dal 1998.
Nata a Bologna, abitante della Terra, scrivo per curare il mio maledetto bisogno di realtà, verità, condivisione e amore.

Quando la puzza danneggia, oltre a fare schifo.

Ambiente, Cronaca e Attualità, Viaggi e Turismo
04/10/2015 0 comments
Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

La discarica di Cesenatico

Cesenatico ha un territorio ampio, inclusa la campagna.
Come abitanti non supera le 30.000 persone (26.000 al 2014).

MA d’estate, ah!!!! l’estate vede affluire, tra alberghi, pensioni, case private, campeggi, seconde case, milioni di persone la riempiono.
La girano, la vivono e, quindi, ci producono rifiuti (in tutti i sensi).
Per farmi un’idea del problema, ho digitato su Google la ricerca per “discarica”, “depuratore”, “puzza” e “città”.
Se non ci credete, provate da voi: il problema è diffusissimo!

Sono tante, dal nord al sud della penisola, le città, grandi o piccole, che vivono i disagi causati dai fetori di “roba” accumulata “in decomposizione”. Immaginiamoci, quindi, un posto piccino come Cesenatico, con periodi anche lunghi di superpopolazione, che abbia una discarica a 1000 dalla spiaggia (ok, quella di Ponente la considerano “meno” spiaggia di quella sotto al grattacielo ma la puzza disgustosa giunge sino A VALVERDE!).

In tutto ciò si aggiunga che il Depuratore pare non abbia abbastanza capienza, per trattare tutta la cacca turistica 🙂 e che, quindi, quando soprattutto d’estate un qualche acquazzone riversa copiose acque in terra (terra impermeabilizzata, perlopiù proprio per avere stanze e case in cui ospitare i turisti) pare (come in parecchie altre località italiane) che, hem! Sì, avete capito: quel che è di troppo sborda. Già.

E siccome avete capito, ometto di specificare cosa, in particolare per il proprio peso specifico inferiore a quello dell’acqua, sbordi magiormente. Olezzando in aggiunta ai rifiuti in decomposizione.

Si dice (e su questo una nuova e solerte Associazione di Cittadini di sta muovendo concreta) che parecchi turisti, a causa dell’acre puzzo estivo, si siano addirittura rivolti a medici e pronto soccorso.

Ma, come troppo spesso in Italia succede, gli amministratori (i politici n.d.r.) anzichè risolvere, RISOLVERE, le cose per la popolazione, LITIGANO! Un consigliere chiede di poter visitare l’impianto che Hera sta “sistemando” (con i soldi pubblici, naturalmente), il sindaco risponde che picche, rimandando a una “visita guidata” per quando i lavori saranno terminati.

Terrei d’occhio l’associazione di cittadin*, però. Perché a Cesenatico, ultimamente, si respire sempre più aria di rivolta 🙂

 


Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *