Profile Photo

nicola giovanni morello

Pubblicitario per vocazione, lavorando in diverse agenzie tra cui BGS, Canard e Armando Testa. Da due anni libero professionista.
Tre grandi amori: musica (con tanto di band negli anni giovanili), cinema, scrittura. Un approdo direi naturale: la pubblicità (ora si fa chiamare comunicazione).
Direttore creativo in diverse e prestigiose Agenzie, quali BGS, Canard e Armando Testa (10 anni intensi e premianti).
Poi, la scelta della libera consulenza, per Aziende e Agenzie.

boomerang al dente

Comunicazione, Sport
19/09/2015 0 comments

Europei di basket. Dopo decenni, l\’Italia si presenta con una squadra \”mai vista\”, farcita di campioni e pronta a divorare gli avversari. Falsa partenza, ma poi grande vittoria con la Spagna (una potenza come nel calcio…ma non erano piccoli?), sconfitta con la Serbia e passaggio del turno (comunque, 4 su 6 passavano). Sky manda in diretta l\’evento, i media si scatenano, gli sponsor si buttano. Tra questi, soprattutto Barilla. Che sponsorizza la nazionale. Giusto, pasta e Patria. Poi, esce con un annuncio, che in modo tronfio, stile CCCP, mostra gli azzurri atteggiati a guerrieri invincibili con il titolo \”Facciamo vedere di che pasta siamo fatti\”. Alè, facciamogli vedere! Si è visto ieri: vince la Lituania (hanno una nobile tradizione nel basket, comunque), sfavoritissima dai bookmaker, data per probabile perdente dai media italiani, pronti come lo sponsor a scoprire un nuovo amore sportivo. E\’ sempre rischioso mostrare i muscoli come ha fatto Barilla durante manifestazioni in corso, come insegna l\’utilizzo di Prandelli quale testimonial prima dei mondiali di calcio. Soprattutto è rischioso con messaggi così tronfi. Così pieni di sfida (parola che a parte una consonante ne ricorda un\’altra). E ora? Si ritorna al calcio sui maccheroni.


Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *