Profile Photo

Livia Giustiniani

24 anni, nata e cresciuta a Roma.
Ho l'hobby dell fotografia e studio alla Sapienza per diventare giornalista.
Amo il cinema (in particolare Meryl Streep), la tv (specie le serie) e la musica (nelle mie playlist si può trovare da Mina a Lady Gaga passando per la Disney).
La mia originalissima bio per ora si conclude qua, magari in futuro scriverò qualcosa di più accattivante!

Cinema: Due piedi sinistri, un cortometraggio da vedere

Ambiente, Cinema e teatro, Sport
27/09/2015 0 comments
Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Due piedi sinistri è un cortometraggio girato nel cuore di Roma, nel quartiere di Testaccio. Protagonisti della scena un gruppo di bambini, romani e romanisti (lo si capisce dal pallone con cui giocano), che, dimentichi di scuola e libri, giocano una partitella in una piazzetta e, poco più in là, c’è una bambina è appoggiata a un muretto e manda messaggi col cellulare.

Non è semplice spiegare perché valga la pena di vederlo senza spoilerare nulla. Ma tre sono gli ingredienti di questa breve storia che fa sorridere e riflettere: due bambini, Mirko e Luana, un pallone della Roma e un muretto. La scelta dell’ambientazione e della situazione informale serve a mettere in piena luce il tema del corto: la discriminazione. L’intento è, come afferma la regista romana Isabella Salvetti, quello di ” di realizzare un corto realistico. Non si può fare finta che la discriminazione, anche quella tra tifosi, non esista. Però il punto è ci sono diversi gradi di discriminazione.[…] Il fatto di aver ambientato il corto a Testaccio mi ha permesso di collocare il tutto in qualcosa di autentico, come se fosse un pezzetto di vita vera. Mi ha permesso di rendere il sogno possibile».

Dall’inizio dell’estate ad oggi, il cortometraggio, ha già vinto numerosi premi tra cui il Globo d’oro, il premio cinematografico assegnato dai giornalisti della stampa straniera accreditati in Italia ed era tra i cinque finalisti per il David di Donatello (vinto però dal corto “Thriller” di Giuseppe Marco Albano). Altra nota di colore, decisamente esilarante, sono i sottotitoli in inglese che traducono lo slang romanaccio.

Se avete sei minuti del vostro tempo da spendere utilizzale per guardare questo corto fino alla fine; ne vale la pena!

Qui sotto il link al video:

Due Piedi Sinistri


Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *